Laboratori didattici - Pro Loco Scarperia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Laboratori didattici

Ferri Taglienti


Una serie di laboratori aprono il Palazzo dei Vicari ai più giovani.

- Scarica opuscolo Laboratori Didattici


Con la ripresa delle scuole torna a Scarperia una serie di opportunità per ragazzi di età diversa, che potranno avere un approccio diverso con storia, tradizioni ed elementi scientifici.
Ripartono infatti i laboratori per far conoscere le caratteristiche del Palazzo dei Vicari, ma anche le tradizioni dei coltellinai di Scarperia.
Sono otto le proposte di Laboratori Didattici che la Pro Loco di Scarperia, che gestisce la bellissima struttura, offre per l’anno scolastico in corso ai vari gradi di istruzione, a seconda delle caratteristiche dei ragazzi. Il trecentesco Palazzo dei Vicari è stato nei secoli sede governativa, amministrativa e giudiziaria del potere delegato dalla Repubblica Fiorentina alla figura del Vicario.
Oggi mantiene visitabili le stanze nobili ammobiliate, affrescate con stemmi e opere religiose, periodicamente impreziosite da esposizioni ed eventi temporanei e i locali dell’Archivio storico costituito da consistenti nuclei documentari prodotti dai vari enti che ebbero sede nel Palazzo dei Vicari nel corso dei secoli o documenti che furono qui riuniti allo scopo di evitarne la dispersione.
Vi si trovano pertanto non solo gli atti degli organismi di autogoverno locale, antichi progenitori del comune moderno, ma anche atti di magistrature statali, quali i Vicari e i Podestà e quelli di enti non territoriali a carattere religioso come le Compagnie, o laici come il Monte Pio.
L’archivio conta oggi 4.602 unità archivistiche coprenti un arco di tempo esteso tra il 1504 e il 1865.
Dal 1999 in un’ala dell’edificio è ospitato il Museo dei Ferri Taglienti, secolare tradizione Scarperiese sviluppatasi fin dagl’albori del piccolo borgo.
Cinque i percorsi medievali offerti: ai ragazzi delle IV e V della Scuola Primaria e di I e II della Secondaria si rivolgono “Terra Murata, Terra di Coltellinai”, che si pone l’obiettivo di utilizzare le proprie conoscenze scolastiche e le esperienze per far ricostruire le caratteristiche di una città murata ed anche far conoscere, in una cornice affascinante e suggestiva, un lavoro artigianale di cui rimangono tracce significative e “Alla scoperta del castello”, una divertente caccia al tesoro per scoprire la struttura e gli usi di un palazzo rinascimentale.
I ragazzi della scuola secondaria I grado avranno a disposizione “Dall’alto dei merli” e “Il pesciolino d’ argento”, adatti per far apprezzare le peculiarità di un borgo medievale, che sin intreccia con storie e leggende, grazie anche alla possibilità di accedere al mondo delle antiche filze e delle tecniche di restauro.
I più piccoli potranno cimentarsi invece in “Alla ricerca del mio stemma”, programmato per la Scuola d’Infanzia, che permette di interagire con i simboli araldici presenti in gran numero nel castello.
Due invece i percorsi dedicati ai Metalli. Per la scuola secondaria di I grado è previsto “Dalla parte del manico”, mentre per la secondaria II grado “Dalla bottega del forgiatore alla fabbrica”, un percorso guida sull’uso di strumenti antichi e moderni per la realizzazione di manufatti.
Dopo una prima visita al castello, dove si può prendere contatto con la storia dei ferri taglienti e delle loro diverse tipologie di utilizzo, si passa ad un’esperienza diretta stimolante tutti i “sensi” presso la bottega del coltellinaio.
Qui i partecipanti verranno avvicinati alle varie fasi della lavorazione dei materiali (il ferro, il corno) attraverso attività che vedono la partecipazione diretta ad un’attività artigianale ancora condotta con tecniche antiche.
Numerose dunque le opportunità, parallele ad una normale visita guidata, con la possibilità, attraverso attività pratiche, di coinvolgere maggiormente i ragazzi, che da semplici spettatori diventano attori della scuola.

Per ulteriori informazioni sulle manifestazioni:


+39 055 - 84.68.165 - Fax. +39 055 - 84.68.862
informazioni@prolocoscarperia.it


Torna ai contenuti | Torna al menu