Pieve di Fagna - Pro Loco Scarperia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Pieve di Fagna


La chiesa, ricordata nei documenti fin dal 1018, fu collegiata ed essendo posta nei pressi del palazzo ubaldino di S. Croce mantiene più di ogni altro luogo i ricordi di quella famiglia ed in particolare del Cardinale Ottaviano che alla sua morte, avvenuta nel 1275, fu sepolto a Fagna.
Ceduta dal Vescovo fiorentino agli Ubaldini la pieve passò per donazione alla famiglia Macchiavelli che ne tenne a lungo il patronato, lo stesso Niccolò in una lettera del 1497 ne rivendicava i diritti.
S. Maria presenta oggi una facciata settecentesca ed un aspetto “tardo barocco” sebbene la sua struttura originaria sia una delle più antiche del Mugello.
A testimonianza dell’assetto originario restano comunque due significative opere: il pergamo della metà del XII secolo e il fonte battesimale della seconda metà del XII secolo.
Altre opere di pregio sono una Madonna col Bambino, testimonianza del ‘400 fiorentino, collegabile alla Bottega del Pesellino, l’Assunzione della Vergine firmata e datata “Sanctus Tituis fecit 1587” che costituiva la pala dell’altar maggiore, considerata come il dipinto più significativo della produzione provinciale dell’artista, e il Cristo morto, datato 1805 e firmato da Clemente Susini, l’autore delle cere anatomiche del museo fiorentino della Specola.

Torna ai contenuti | Torna al menu