Caricamento Eventi

ORCHESTRA SUMMER FESTIVAL 

10^STAGIONE LIRICO SINFONICA 3 APPUNTAMENTI:

Al via la 10ª Stagione Lirico-Sinfonica della Camerata de’ Bardi

in Palazzo dei Vicari

L’associazione culturale borghigiana Camerata de’ Bardi dà avvio alla sua nuova stagione lirico-sinfonica 2022-2023, la decima in ordine cronologico. Si partirà dal Comune di Scarperia, in Palazzo dei Vicari, con tra appuntamenti sinfonici di respiro internazionali, tutti previsti alle ore 21.00.

La Camerata de’ Bardi, dopo la chiusura borghigiana della precedente stagione, ospiterà tre nuove formazioni sinfoniche dal mondo, grazie alla preziosa sinergia nata con il 23esimo Festival internazionale delle Orchestre Giovanili.

La decima stagione lirico-sinfonica si apre con l’Orchestra Summer Festival e con le esibizioni della Jugendsinfonieorchester der Musikschüle Bochum, dalla Germania, dell’Orchestre Quipassparlà e della Jugend Sinfonie Orchester Konservatorium Bern, entrambe provenienti dalla Svizzera. L’Orchestra Summer Festival prevede la collaborazione della Proloco di Scarperia, del B&B Il Giardinetto, il patrocinio del Comune scarperiese, il contributo del Banco Fiorentino e della Sezione Soci Coop di Borgo San Lorenzo.

Mercoledì 3 agosto 2022 la formazione di Bochum, fondata da Guido van den Bosch è diretta dal 1999 da Norbert Koop, recente vincitrice del concorso per orchestre giovanili del North Rhein-Westphalia, aprirà il suo programma con la Sinfonia da La Cenerentola del compositore pesarese, anche eccellente gourmet, Gioachino Rossini; sarà poi la volta della pagina romantica di Carl Maria von Weber, il Concertino per Clarinetto e Orchestra op. 26. Dalla Germania all’Ungheria con l’esecuzione del poema sinfonico di Franz Liszt Tasso. Lamento e Trionfo, scritto nel 1849, secondo dei tredici composti dall’autore. Il poema è pensato come Ouverture al dramma di Johann Wolfgang Goethe ‘Tristano Tasso’ e fu scritto da Liszt in occasione del centenario dalla nascita del poeta. Si mette in primo piano la figura del Tasso, poeta della corte ferrarese degli Este, e delle sue vicende personali. È lo stesso Liszt a comunicarci le tematiche affrontate in questa pagina: «Tasso amò e soffrì a Ferrara, e fu vendicato a Roma, e ancora oggi vive nelle canzoni popolari di Venezia. Questi tre momenti sono inseparabili dalla sua fama immortale. Per riprodurli in musica, abbiamo prima evocato la sua grande ombra vagante sulla laguna di Venezia, ancora oggi; poi il suo volto è apparso a noi, nobile e malinconico, come lui guardava alle feste di Ferrara, dove ha creato i suoi capolavori; e, infine, lo abbiamo seguito a Roma, la Città Eterna, che lo coronò di gloria e gli rese omaggio, sia come martire che come poeta».

Chiude l’esibizione scarperiese, legandosi al precedente brano, la suite di Lèo Delibes dal suo balletto Sylvia, composto nel 1876 e tratto dall’Aminta poema pastorale di Torquato Tasso, del quale Sylvia, casta ninfa cacciatrice fedele alla dea Diana, è la protagonista insieme al pastore Aminta.

Giovedì 4 agosto 2022, i 50 elementi della formazione svizzera, l’Orchestra Quipassparlà diretta da Laura Linkola, eseguiranno il Concerto da Esperimento di Gioachino Rossini, per fagotto solista, articolato nei movimenti Allegro, Largo e Rondò ed interpretato da Jeremy Bager. Da Rossini al compositore russo Nikolaj Rimsky Korsakov, la serata si conclude con l’esecuzione del suo balletto Scheherazade op. 35, suite sinfonica che trova la sua ispirazione nella raccolta di fiabe de Le mille e una notte; il Sultano Shāhrīyār, convinto che tutte le donne fossero false ed infedeli, giurò di mettere a morte tutte le sue mogli dopo la prima notte di nozze. Ma sua moglie Scheherazade si salvò, riuscendo ad intrattenere il suo signore con dei racconti affascinanti, raccontati in serie, per mille e una notte, cosicché il Sultano, preso dalla curiosità, procrastinava continuamente l’esecuzione della moglie, ed infine abbandonò del tutto il suo proposito. Di molte cose fantastiche gli raccontò Shahrazād, portando le parole di poeti e di canti, volando di fiaba in fiaba, e di racconto in racconto. La suite sinfonica è, infatti, articolata in quattro movimenti: Il mare e la nave di Sinbad, Il racconto del principe Kalandar, Il giovane principe e la giovane principessa, Festa a Baghdad-Il mare-Naufragio della nave sulle rocce sormontate da un guerriero di bronzo.

Ultimo appuntamento dell’Orchestra Summer Festival scarperiese è previsto per Mercoledì 10 agosto 2022 e sarà affidato all’Orchestra Giovanile del Conservatorio di Berna che proporrà tre grandi composizioni classiche, dal Settecento all’Ottocento.

La sua esibizione si aprirà con l’Ouverture da Le nozze di Figaro di Wolfgang Amadeus Mozart, pezzo d’apertura di una delle tre opere della Trilogia popolare italiana, scritte dal salisburghese a quattro mani col librettista veneto Lorenzo da Ponte. Da Mozart a Franz Danzi, compositore tedesco, che nel 1778 scrive la Symphonie concertante in Si bemolle M per flauto, clarinetto e orchestra op. 41, articolata nei movimenti Allegro moderato, Largo e Polonaise (Allegretto); gli esecutori solisti scarperiesi saranno Junwei Qi al clarinetto e Dominique Borcher al flauto traverso.

Conclude il programma la Sinfonia n. 2 in Re M op. 73 dell’amburghese Johannes Brahms, scritta nell’estate del 1877, durante un soggiorno dell’autore sulle Alpi austriache, che sembra strizzare l’occhio alla Pastorale di Beethoven, ricca di colori e timbri ora malinconici ora passionali, dal carattere pastorale ed idilliaco, articolata in quattro movimenti Allegro non troppo, Adagio non troppo, Allegretto grazioso quasi andantino, Allegro con spirito.

Tutti i concerti sono ad ingresso libero e gratuito.

L’ufficio stampa

Dr.ssa Sabrina Malavolti Landi

Condividi questo post, scegli la tua piattaforma!

Torna in cima