Fatti di coltello

12,00

Scarperia è, da tempi lontanissimi, un centro particolarmente importante nella fabbricazione dei coltelli. Ma per oltre quattro secoli è stato anche sede del vicario, che aveva l’incarico dell’amministrazione della giustizia per i fatti criminali su un’ampia area del Granducato di Toscana. Tra gli atti ancora conservati nell’archivio sono stati esaminati quelli relativi a un decennio verso la metà dell’Ottocento, e tra i diversi crimini sono stati scelti quelli riguardanti accoltellamenti o porto di coltelli proibiti. Oltre alle condizioni dell’epoca e agli elementi umani ricorrenti nei fatti, vengono qui esaminati i vari tipi di strumenti citati: coltelli serratori, coltelli a cricco, coltelli pistoiesi, coltelli da cacciatori, coltelli in asta, coltelli genovesi, stiletti, coltelli da cucina e da macelleria, perfino baionette.

Categorie: ,

Descrizione

Fatti di coltello, negli Atti Criminali del Vicariato di Scarperia 1839-1849
Stampato da Edifir Edizioni Firenze nel 2004
Autore: Luciano Salvatici
Copertina flessibile, 145 pagine, bianco e nero

Informazioni aggiuntive

Peso 0,400 kg

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Fatti di coltello”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in cima